Manuale dell’Ingegnere Nuovo Colombo: Recensione

Il Manuale dell’Ingegnere Nuovo Colombo è il più completo su tutto il mondo dell’Ingegneria

Manuale dell'Ingegnere Nuovo ColomboNell’ambito della Manualistica professionale, sicuramente nel campo tecnico-ingegneristico trovano spazio molti libri che sono un ausilio per noi ingegneri. Un’ottimo lavoro è stato fatto con la nuova edizione del Manuale dell’Ingegnere.

Introduzione

Per chi non ha mai sentito parlarne, il Manuale dell’Ingegnere Nuovo Colombo è un testo che fa parte della manualistica tecnica e che ad oggi è la migliore raccolta dello scibile in campo ingegneristico. Il testo è giunto alla sua 85.ma edizione, ed è edito dalla Hoepli. Ques’ultima è la casa editrice più attiva in questo campo dell’editoria. La prima stampa di questa nuova versione risale al 2014, mentre l’ultima al 2016. Un’opera che in ogni edizione dimostra la sua grandezza. Ad essa infatti anche in questo caso hanno collaborato circa 146 autori, tra cui periti, architetti, ingegneri e professori universitari italiani. Professionisti che hanno dato un valore aggiunto a tutte le informazioni.

Contenuti

L’opera è divisa in tre volumi e ogni volume è suddiviso in sezioni che trattano una particolare materia. Ogni volume contiene svariate migliaia di figure e centinaia di tabelle; ogni sezione è individuabile da una lettera maiuscola ed è fornita di un indice dettagliato.

  1. Il primo volume, ad esempio, conta più di 2701 pagine che approfondiscono i seguenti rami: Matematica, Topografia, Estimo, Fisica Applicata, Materiali e loro proprietà, Scienza delle Costruzioni e Ingegneria Edile; Solo in questo volume sono contenute 1785 figure e 853 tabelle molto utili nel comprendere meglio di cosa si sta parlando;
  2. Il secondo volume è composto da più di 1853 pagine che trattano: Ingegneria Meccanica, Ingegneria dei trasporti, Idraulica e costruzioni idrauliche, Ingegneria chimica e Ingegneria industriale; In questo volume sono contenute 1132 figure e 562 tabelle;
  3. Il terzo volume è composto da circa 2205 pagine che vanno in profondità su Elettrotecnica, Elettronica, Informatica, Telecomunicazioni, Fonti energetiche rinnovabili, Ingegneria gestionale, Ingegneria ambientale, Qualità, Sicurezza. A questo si aggiunge un’interessante appendice con contenuti davvero utili per la professione. A completare questo volume ci sono 1204 figure e 533 tabelle.
  4. Vi è anche un’utile indirizzo su cui puoi trovare ulteriori risorse online come allegati, aggiornamenti e nuovi approfondimenti in formato .pdf . La pagina la trovate cliccando qui.

Citazioni degne di Nota

Credo che la soluzione sia nella formazione di quelli che oggi definiamo “ingegneri a T” che uniscano a una forte competenza disciplinare la capacità di comprendere il linguaggio di altri specialisti, riuscendo quindi a interagire tra loro. Non un ingegnere tuttologo, come voleva e poteva essere l’ingegnere formato ai tempi del primo Colombo, ma piuttosto una persona abituata a lavorare in gruppi di progettazione eterogenei e a portare il proprio contributo, valorizzandolo nelle interazioni con gli altri.

[Giovanni Azzone – Rettore del Politecnico di Milano]

La mia Interpretazione

Personalmente, il Nuovo Colombo è il miglior manuale ingegneristico attualmente sul mercato italiano. Sicuramente una delle principali pecche è che non sia tascabile e, che anche acquistando in blocco i volumi non venga fornito nessuna versione elettronica dello stesso. Un’altra pecca è la vendita non separabile delle tre sezioni. Questo però scompare davanti alla vastità di informazioni, immagini e tabelle e formule che si hanno a disposizione. Ogni materia ha un grado di approfondimento massimo, accompagnate anche da modelli reali ed esempi. Questo permette al professionista di poter utilizzare questo manuale non solo teoricamente. Ogni settore ha le sue peculiarità, ma proprio perché è un Manuale Tecnico si, ma sempre comunque generale non riesce a soddisfare appieno le esigenze specialistiche. Per questo c’è bisogno di avere anche supporti esterni che possano compensare eventuali mancanze. Personalmente l’ho trovo migliorabile sotto questo aspetto.

VOTO: 4/5 **** 

Per il resto il Manuale, nella sua struttura fisica, è ben fatto ha una rilegatura e una copertina che sono durevoli nel tempo ma sicuramente, come ogni libro, deve essere maneggiato con cura. Il primo volume essendo anche il più pesante accusa di più l’usura del tempo. Se come me siete delle persone che vengono da una formazione tecnica avrete molte cose da imparare su ogni disciplina dell’Ingegneria e questo è proprio il Manuale che assolve a questa funzione. Per questo lo consiglio ad ogni ingegnere che vuole rafforzare il proprio bagaglio professionale. Infine c’è da dire che ai fini del conseguimento dell’abilitazione alla professione, questo è uno dei pochi strumenti ammessi agli esami di stato.

Acquistalo su Amazon

 

Precedente Saranno Costruite in Italia le Navi più Ecologiche del Mondo